Casella di testo: GLI INSEPARABILI
“A’ STAMPANT’ E’ O’ COMPUTER’ “ *
 
Se’ rotta na’ stampant’ stammatin
…e strill… ra' cullega ca’ tuccav’
Comm’e’ succiess….ca’ nun stamp’ nient
L’utente assai incazzato la guardava..
 
C’a’ avess’ fatt’ fors' malament’
L’operazione c’amm’aprestavo a fare
E avess' po’ tuccat' involontariamente
Ca cos’ ca’ nun dovevo poi mai fare ?….
 
A chistu' punto …inaspettatamente
A stampant’  se mett’a chiacchera’…
Lasciann’ esterefatta la collega
C’ nun po’ fa’ a meno e starla ad  ascolta’
 
Si!… mi so’ rotta…. Rice po’a stampant'
Mi so’ rotta…. Mo e’ sta’ a’ lavora’
Cu' stu' computer…
Ca’ nun m’ riconosce e’ qualita’…
 
Nun vogl’ave’ a chiu’ niente a ch’ fa’…
Cu’ chi’ nun m’apprezz'…e nun m’ sa piglia’….
E ropp’avergli semp’ rat’ tutt’ ...
Non s’ sent’ piu’ riconoscente e’ nient
 
E nun me ra piu’ tutti gli’ imput ‘
Che da lui agg' semp’ pazientemente aspettat ‘
Mantnentl’ come code di stamp'
Pur’ e nun scurdarn’ po’ o’ significat’
 
…a chistu’ punt’ non gli ro’ chiu’ nient’
Accussi p’ sempre s’ arricordera’
Qund importat’ era stat’… sta'  cu me’
Co’ rispunnev' comm' lui voleva….
 
Bene!… risponn’ o’ computer indignato
M’ pianti e m’ miett’ accussi in crisi?…
Mi fai capire ca’ nun c’ vuo’ chiu’ sta’?…
Solo perche’ pe’ n’attimo ..non t’o' considerarata
 
Ricordati ca’ pur si’ e’ o ver’…
“ca’ ogni lasciata e persa…”
E puro’ o' ver’
“ca ogni trovata…. E’ sempre guadagnata..”
 
P’ chest’ t  ric’… vattenn’ pure ..
P’ semp’ via da me…
Tanto ra nat’..mi faro’ poi da’…
Tutto quello che mi necessitera’
 
Ingrato!..
Chest’ m’ ric’ mentre  me ne vac’ via da te’
Arricordat’ allor’ pero’ …
Che una comm’ a  me e chill’ comm’ a te’
N' ponn’ ave’ quant’ n’ vonn’….
 
E si m’aggrad’… m' poss' collega’
A chiu’ di un computer …
E m’ stacc’ ra un’… e mi collego a n’at'
Senza che un’… s’accorg’ e l’at’

O’ sai?….
Risponn’ o’ computer assa’incazzat'
Poss’ fa  a stessa cos’ pur’io a te
Comm’ chell… ca’ tu m’ vuo’ fa a me
 
La nostra unione a questo punto cessa
Peche’ sol’ o’ fatt’ ca’ tu l’hai pensat’
M’ lascia assai deluso e amareggiato
P’che’ nunn' avrei mai immaginato
Che'avresti poi in questo modo ragionato
 
Intanto la collega assai sconvolta
Dopo questi accenti inaspettati
Spegne tutto… stacca la stampante ormai alterata
E ne collega un’altra inutilizzata
 
E continua la storia
Della condizione degli inseparabili
Che fanno del computer il suo maestro
E della stampante… che gli viene appresso
 
Affermando alla fine… che in ogni unione
C’e’ sempre e solo una condizione
Qundo c’e’ armonia… e reciproco rispetto
La durata e’ illimitata in ogni suo aspetto
 
Perche’ la logica che li vede uniti e solo lo strumento
Che la Ragione adotta con l’Intelligenza
E la Conoscenza che e’ Bene che e’ la sostanza della vita
E’ sospinge l’anima… che in essa e’ determinata
Per il volere di chi poi l’ha creata
*SCRITTA NOVEMBRE 2001